RIUNIONE – Itinerari, consigli pratici e tutto quello che le guide turistiche non dicono

No comments

Avete appena prenotato un viaggio a Mauritius e vi siete accorti che lì vicino, a soli 45 minuti di volo, si cela un’altra piccola isoletta tropicale tutta da scoprire. Giustamente state pensando di diversificare la vostra vacanza aggiungendo un’ulteriore tappa lì. Ok, tranquilli, è esattamente quello che abbiamo pensato anche noi, come molti altri viaggiatori che si trovano a visitare le Isole Mascarene. Detto fatto, ci siamo avventurati a Réunion pensando di trovare un’isola molto simile a Mauritius…ma non è stato così! Immediatamente abbiamo avuto l’impressione di essere atterrati di nuovo in Europa! Ma ancora più sconvolgente è stato scoprire che Réunion non è un’isola dove andare a fare il mare…a Réunion si va prevalentemente a fare trekking e a godere delle bellezze naturalistiche di territori vulcanici di immensa bellezza, appartenenti al patrimonio mondiale UNESCO. Per evitarvi belle o brutte sorprese, vogliamo fornirvi quante più informazioni possibili per decidere se val la pena rinunciare a qualche giorno di vacanza a Mauritius per partire alla volta di Réunion.

Read in english ⇒ click here

reunion_info_07

Quando andare, quanto stare

La Réunion si trova nell’emisfero australe quindi ha le stagioni invertite rispetto all’Europa; il periodo migliore per visitarla è la stagione secca che coincide con la nostra estate. I giorni di permanenza dipendono da quanto approfonditamente vorrete esplorare l’isola, se vi limiterete ad una visita generica dei siti di maggiore interesse una settimana sarà sufficiente (considerando anche eventuali giornate di brutto tempo). Se invece vi piacerebbe aggiungere dei trekking qua e là (vi lasciamo il link a questo sito molto utile per organizzare delle escursioni fai da te o anche solo per farvi un’idea), vi suggeriamo almeno una decina di giorni.

reunion_info_08

In quale parte dell’isola alloggiare

La Réunion è un’isola abbastanza grande se paragonata a Mauritius, è circa una volta e mezza la sua estensione, quindi le distanze tra i vari punti di interesse saranno maggiori. Questo è reso tanto più accentuato dall’orografia del territorio: punti in linea d’aria vicini richiedono lunghi tragitti in auto per essere raggiunti perché specialmente sugli Hauts (i ripidi pendii della zona centrale dell’isola) vi sono gole e pareti rocciose che sbarrano il passaggio, pertanto sarà necessario scendere a valle, tornare sulla strada costiera per poi risalire da un altro punto. Quindi, se la vostra permanenza non è troppo breve, può avere senso organizzare un viaggio itinerante dormendo in più punti dell’isola, assecondando i vostri spostamenti. Se invece avete pochi giorni a disposizione, o in generale preferite avere un unico punto di appoggio, allora prediligete le località della costa ovest (nei dintorni di Saint Paul), punto strategico da cui si dipanano le strade per le principali attrazioni.

Come spostarsi

Esistono diverse compagnie per il trasporto dei passeggeri in autobus da una località all’altra, alcune servono solo alcune aree dell’isola. I mezzi che abbiamo visto circolare ci sono sembrati moderni e in buone condizioni, pertanto, per maggiori informazioni sulle tratte e sugli orari, vi lasciamo il link ai siti web delle varie compagnie:

  • Car Jaune, è la principale e serve le città costiere (info, solo in francese);
  • Cinor, serve la parte settentrionale dell’isola (info, solo in francese);
  • Kar’Ouest, serve la parte occidentale dell’isola (info);
  • AlterNéo, serve la parte sud-occidentale dell’isola (info, solo in francese);
  • CarSud, serve la parte meridionale dell’isola (info, solo in francese);
  • Cirest, serve la parte orientale dell’isola (info, solo in francese).

reunion_info_09

Tuttavia, se avete intenzione di spostarvi frequentemente o se avete pochi giorni, è preferibile avere un’auto noleggiata a propria disposizione. In questo modo avrete la libertà di personalizzare gli itinerari, non dovrete preoccuparvi del tempo speso in una data località e non rischierete di perdere tempo in inutili attese. Quindi, se ne avete la possibilità, questa è una meta in cui vi suggeriamo l’auto a noleggio. Gli isolani sono disciplinati al volante, le strade sono in buone condizioni, perciò non dovreste notare grandi differenze rispetto alla guida in Europa. All’aeroporto troverete tutte le principali compagnie di autonoleggio internazionali.

I principali itinerari dell’isola

Le attrazioni da vedere sull’isola si possono suddividere in pochi macro gruppi da combinare tra loro per creare un itinerario su misura a seconda delle vostre necessità:

  • i circhi di Mafate, Salazie e Cilaos;
  • il vulcano Piton de la Fournaise;
  • le spiagge della costa occidentale;
  • Saint-Denis e le cittadine costiere (Saint Paul, Saint Pierre, …);
  • il circuito dei Villages Créoles (villaggi creoli);
  • le cascate.

Approfondiremo e dedicheremo articoli separati a ciascun punto della lista. Ma adesso vi lasciamo qualche informazione e curiosità di carattere generale sull’isola de la Riunione.

reunion_info_01

Info generali

Sapevate che…

  • la Reunion è una colonia francese ed esiste un volo diretto Parigi-Saint Denis della durata di 11 ore;
  • la moneta ufficiale è l’euro (EUR), la lingua il francese;
  • se siete cittadini EU potrete utilizzare il traffico telefonico mobile e i dati, come se foste in Europa;
  • la maggior parte dei prodotti che si trovano nei supermercati sono importati dalla Francia, quindi hanno prezzi che sono pressoché raddoppiati rispetto al loro valore europeo;
  • il costo della benzina è imposto ed è uguale in qualsiasi distributore dell’isola (per conoscere l’andamento nei mesi e scoprire il prezzo corrente clicca qui);
  • le autostrade sono gratuite e il limite di velocità massimo sull’isola è di 110 km/h;reunion_info_04
  • l’estate europea (in particolare nei mesi di luglio e agosto) coincide con l’inverno di Réunion, quindi i turisti che decideranno di spostarsi in auto dovranno fare i conti con il traffico intenso degli orari di punta di ingresso/uscita dagli uffici e dalle scuole degli isolani (maggiorate sempre i vostri tempi di percorrenza per raggiungere una data località);
  • se prendete un’auto, il costo del noleggio puro sarà irrisorio, mentre la franchigia molto alta (ad esempio, per una Volkswagen Up abbiamo pagato 900€ a fronte di un noleggio del costo di 140€); le compagnie sono molto meticolose nel controllare ogni minimo graffio, se non vi sentite sicuri della vostra guida o volete semplicemente rilassarvi, stipulate un’assicurazione che copra od elimini del tutto la franchigia;
  • diversamente da Mauritius, la guida è a destra, come in Europa;
  • essendo le principali attrazioni dell’isola concentrate ad alta quota (che dovrete raggiungere dal livello del mare), suggeriamo di noleggiare un’auto con un buon rapporto peso/potenza, così da affrontare in modo più disinvolto le ripide e tortuose strade di montagna;
  • prestate particolare attenzione alle strade montane, spesso hanno delle cunette molto profonde al lato per lo scolo delle acque piovane, cercate di guidare tenendo il centro della corsia;
  • le spiagge più sicure per fare il bagno sono quelle fronteggiate dalla barriera corallina, in caso contrario dovrete attenervi alle indicazioni e ai segnali di sicurezza forniti dalla guardia costiera e dal personale dello stabilimento per la presenza di squali; non fate il bagno in spiagge non controllate;reunion_info_06
  • la barriera corallina di Réunion fa parte della riserva naturale marina protetta, quindi in alcuni punti non sarà possibile fare il bagno per preservarne la bellezza e l’integrità; attenetevi ai cartelli indicativi;reunion_info_10
  • le spiagge più belle dell’isola sono concentrate nella costa ovest, ma non sono all’altezza delle spiagge della vicina Mauritius (consiglio spassionato: se volete venire a Réunion solo per fare il mare…rimanete a Mauritius!);
  • i cimiteri sono luoghi da vedere perché ogni tomba è un piccolo giardino fiorito a sé stante e l’effetto d’insieme è sorprendente;reunion_info_02
  • se volete entrare in contatto con la vera anima di Réunion dovrete raggiungere i villaggi interni e montani degli Hauts, dove le tradizioni si sono conservate meglio che altrove, non avendo subito l’influsso occidentale che ha invece pervaso le cittadine costiere;reunion_info_05
  • essendo un clima tropicale, anche durante la stagione secca si possono registrare numerose giornate di pioggia, specialmente in montagna. A volte accade che le nuvole si formino proprio ad alta quota e rimangano intrappolate tra le cime montuose degli Hauts; potreste trovare brutto tempo e scarsa visibilità anche se lungo la costa è apparentemente una bella giornata di sole;
  • siate pronti a fronteggiare sole e pioggia nella stessa giornata, abbiate flessibilità nei vostri programmi e nel vostro abbigliamento.

La Réunion è conosciuta anche come “île intense”perché difficilmente lascia indifferenti i propri visitatori. I contrasti qui sono talmente forti che anche il viaggiatore più scettico ne rimarrà colpito. Dopo questa breve panoramica, non perdete gli altri articoli in cui vi racconteremo la nostra esperienza, vi mostreremo le immagini dei posti che abbiamo visitato e vi daremo altri utili consigli e informazioni.

A presto

Inside-360

Rispondi